Agamà - la vita cambia

  AGAMA’

La Vita Cambia

La storia
“La vita è come un camaleonte (agamà), cambia, cambia continuamente. Mai dire “sono finito”  perché oggi è il giorno buono e tutto può cambiare” (Arsene Duevi).
E’ la storia di Laura, rinata il 22 aprile 2009, giorno in cui è avvenuto il trapianto di fegato. Questo film narra in presa diretta i lunghi mesi dell’attesa tra ospedale, vita quotidiana, speranze e paure. Un lungo viaggio sostenuto dalla potenza rigenerativa della musica e del canto.
L’intento degli autori è quello di diffondere questa delicata storia di attesa e speranza affinché il tema della donazione d’organi sia visto senza paure e pregiudizi. Si vuole sostenere la cultura della donazione come atto di solidarietà e condivisione tra esseri umani. Come celebrazione della vita che cambia e si rinnova.

Il valore aggiunto dell’amicizia
Questo film è l’espressione dell’anima e della poetica di un gruppo di amici che, in modo completamente gratuito, si è stretto intorno alla protagonista e l’ha sostenuta sempre. Il coro, i musicisti, il regista, i tecnici, il produttore esecutivo, la famiglia, le amiche “turniste” in ospedale. Questo film è il risultato di un lavoro corale al quale tutte le persone coinvolte hanno partecipato con passione. Un film come prodotto del valore aggiunto dell’amicizia, un valore che ha reso più bella la vita di tutti.

Il regista
Johnny Dell’Orto, cileno di origine italiana, coltiva da sempre la passione per l’arte tra cinema e design.  Negli anni 80 arriva a Milano dove apre uno studio in cui realizza oggetti di decorazione e allestisce mostre in varie parti del mondo. E’ Art Director di alcune aziende e direttore artistico di eventi culturali. Lavora da anni, come sceneggiatore, con il regista Sandro Baldoni con cui ha prodotto i film “Strane Storie” e “Consigli per gli acquisti” . E’ regista del film “L’amore che cos’è” del 2007.
Ha realizzato il cortometraggio “Agamà, la vita cambia” partecipando al progetto a titolo volontario e senza scopi commerciali, con l’intento di sostenere la persona e le idee dell’autrice e protagonista.  
 
Il musicista e direttore del coro
Arsène Duevi, bassista, chitarrista, compositore, cantante, direttore di coro, è anche etnomusicologo: ha condotto ricerche su musica e ritmi dell’Africa Occidentale. Nel suo paese d’origine, il Togo, è stato Direttore del Coro della Cattedrale di Lomè.
In Italia dal 2002, collabora con Saul Beretta, Direttore Artistico dell’Associazione Culturale Musicale Musicamorfosi, per la realizzazione di numerosi progetti. Dal 2004 partecipa alle produzioni originali di Musicamorfosi, collaborando stabilmente con musicisti quali Giovanni Falzone, Adalberto Ferrari, Gennaro Scarpato, Papi Moreno, Tetè Da Silvera. In questi ultimi anni è protagonista di importanti eventi musicali: canta nel concerto evento dedicato a Fabrizio De Andrè (interpreta una suite da “Senza orario e senza bandiera”); debutta come compositore e cantante al festival MiTo con la “Zanzafiaba”, di Saul Beretta e Massimiliano Fratter.
Arsene è da anni direttore di numerosi cori di adulti e bambini. Al momento sono attivi quattro cori di adulti. Gudu Gudù (di Cinisello Balsamo), Agamawo (di Milano) che canteranno questa sera e due cori ancora senza nome ad Arcore e Milano, quest’ultimo presso l’associazione Attivecomeprima Onlus. E’ compositore della musica e delle canzoni che costituiscono il repertorio dei cori, nonché della canzone “Agamà” che è divenuta colonna sonora del film omonimo.